COPERTINA
foto di casali del moraiolo
Uncem chiede un rappresentante montagna in Cda SMAT

12 Lug 2017

"Smat deve avere un rappresentante della montagna e dei piccoli Comuni nel proprio consiglio di amministrazione": lo afferma l'Uncem a nome di tutte le Unioni montane di Comuni della Citta' metropolitana di Torino, in vista della ridefinizione degli organi della societa'. Obiettivo, riequilibrare il rapporto tra chi produce la risorsa idrica e chi la consuma. "La montagna - afferma il presidente dell'Uncem del Piemonte, Lido Riba - e' il bacino naturale dell'acqua, che qui viene stoccata e protetta. Nelle aree urbane si concentrano invece il numero maggiore di utilizzatori. Smat (Società Metropolitana Acque Torino) e' una societa' attenta alle realta' alpine e periferiche, ma questa attenzione deve concretizzarsi oggi nel maggiore spazio proprio per gli enti locali piu' piccoli, individuando un rappresentante dei territori montani da inserire nel cda". "Le nuove frontiere della green economy - aggiunge - impongono una presenza stabile nelle utilities dell'energia e dell'ambiente di rappresentanti dei territori, voce delle comunita' ed espressione dei luoghi dove si producono i beni".