COPERTINA
foto di wikipedia.com
SNAI Valle d'Aosta: approvata la Strategia d'Area. Istruzione primo obiettivo

15 Set 2017

L’area interna della “Bassa Valle”, situata all’estremità orientale della regione Valle d’Aosta, comprende ventidue Comuni, ripartiti in tre Unités des Communes e occupa una superficie di 802 chilometri quadrati, dove vive una popolazione complessiva di 23.435 unità: un quarto del territorio regionale ospita un quinto della popolazione.

L’area più marginale, e di conseguenza a rischio, è considerata quella di media montagna, con Comuni che non superano i 500 abitanti. Lo scenario desiderato e delineato nella Strategia è quello di una Bassa Valle. Tra gli interventi strutturali più importanti, cui è dedicato circa un terzo del budget complessivo della Strategia, vi è la nascita del Polo unico dell’istruzione superiore. Numerosi studenti della Bassa Valle sono oggi costretti ad andare a seguire gli studi superiori ad Aosta. L’abbandono scolastico è significativo, il numero di diplomati sotto la media nazionale: la Bassa Valle ha così deciso di creare un Polo unico nel territorio di Verrès.

Agli studenti, e non solo, è rivolto anche il servizio di trasporto flessibile, che mira a rendere raggiungibile la miriade di località e villaggi della Bassa Valle (alcuni nuclei abitati sono ad oltre 1.700 metri d’altezza), spesso depositari di straordinarie ricchezze paesaggistiche, storiche, artistiche e culturali, non collegati dal tradizionale servizio di trasporto pubblico di linea. Questo servizio offrirà opportunità anche alla popolazione anziana (circa 5mila gli ultra-sessantacinquenni, due terzi dei quali affetti da almeno un patologia cronica) di poter contare su un servizio minimo assicurato di viaggi verso le località ove sono collocati i principali servizi. L’assistenza verrà garantita anche attraverso l’implementazione del servizio dell’Infermiera di Famiglia e di Comunità.

Il valore complessivo della Strategia d’area è pari a 15.184.063 milioni di euro.

Il testo della Strategia d’area è disponibile a questo link sul sito dell’Agenzia per la Coesione Territoriale.