COPERTINA
MERCATO IMMOBILIARE TURISTICO IN MONTAGNA: IN CRESCITA LE LOCAZIONI, IN CALO GLI ACQUISTI DI IMMOBILI. UNCEM: RISULTATI POSITIVI NON SOLO NELLE "ZONE CLASSICHE" DEL TURISMO ALPINO

10 Ago 2018

Secondo i dati dell’Osservatorio Nazionale Immobiliare Turistico 2018 di Fimaa-Confcommercio (Federazione Italiana Mediatori Agenti d’Affari) con la collaborazione della Società di Studi Economici Nomisma, nel 2018 tengono le locazioni nelle zone montane del Paese, mentre sono in calo gli acquisti di immobili. Rispetto al 2016, nel 2017 le transazioni registrate sulle compravendite sono aumentate in media in Italia del 3,5%: in particolare, le località marine hanno fatto segnare +4,8%, quelle lacuali +8,0%, mentre quelle montane sono diminuite del -4,3%. Nel 2018, il mercato della locazione delle abitazioni segna un +1,1% su base annua, in miglioramento rispetto al 2017, beneficiando della crescita dei flussi turistici. L’aumento ha interessato tutte le zone turistiche: +1,5% nelle località lacuali, +1,1% le località marittime e +0,9% la montagna. Dal comparto locativo emergono segnali di maggiore stabilità in termini di valori. Il dato medio, sintesi dei canoni richiesti in giugno, luglio e agosto nelle singole località turistiche monitorate, segna un +1,1% su base annua, in aumento rispetto al 2017. Già a giugno 2018, l'Ufficio studi di Tecnocasa segnalava forti ribassi dei valori immobiliari nelle località di montagna, scesi dell'1,5% p. Dal 2008 ad oggi le località di montagna hanno perso il 31,7% del valore.

Da segnalare alcune località montane che, rispetto al 2017, hanno registrato aggiustamenti positivi dei prezzi medi di compravendita: Ravascletto (UD) +3,7%, Ponte di Legno (BS) +1,1%, Sauris (UD) +0,9%, Lurisia (CN): +0,8%. Restano alti i prezzi di appartamenti top o nuovi nelle tradizionali "capitali" alpine del turismo: Courmayeur (AO) 11.100 euro al metro quadro, Cortina d'Ampezzo (BL) 10.800 euro/mq, Selva di Val Gardena (BZ) 9.900 euro/mq. 

"I dati Fimaa-Confcommercio sono certamente utili per il lavoro delle Amministrazioni locali - spiega Marco Bussone, Presidente nazionale Uncem - e riteniamo oggi ci siano le possibilità di rimettere in utilizzo molte seconde case, sia per l'uso diretto da parte dei proprietari, sia per locazioni anche brevi. I numeri ci consegnano una situazione a luci e ombre, ma sappiamo esserci sempre più località che costruiscono opportunità turistiche e aprono nuove frontiere di mercato. Non ci sono solo le zone classiche, le tradizionali 'capitali'. Sempre di più si riscoprono i borghi 'abbandonati' di Alpi e Appennini e il mercato qui è in forte crescita. Basta dire che dieci anni fa, questo pezzo di immobiliare non esisteva. Da zero a cento in dieci anni. Con numeri che crescono sia per locazioni sia per acquisto. Potranno ancora crescere ed è compito di Uncem sostenere le Amministrazioni di Comuni che diventano nuove mete di un turismo internazionale e di qualità. Penso, su tutti a Sauris, piuttosto che Santo Stefano di Sessanio, o ancora Ostana, Castelmezzano e Civita di Bagnoregio. Non sono avanguardie. Sono luoghi dove stanno crescendo nuova cultura del turismo e nuovi modi di vivere e amare il territorio, la montagna".