COPERTINA
foto di etrurianews
Uncem e Unicef insieme per i bambini, tra difesa dei servizi e iniziative per le famiglie

15 Mar 2017

Mettere al centro dell'attenzione e delle scelte delle Amministrazioni comunali e delle Unioni montane i diritti dei minori. È questo l'obiettivo centrale del protocollo tra Unicef Piemonte e Uncem Piemonte che è stato firmato a Torino lunedì 13 marzo. Nelle aree dove è più forte lo spopolamento - in particolare a seguito della riduzione dei servizi scolastici - Uncem e Unicef delineano forme di collaborazione a vantaggio del sistema degli Enti locali. Numerosi i Comuni che hanno già messo in atto concrete opportunità di coinvolgimento dei bambini e dei ragazzi. Un impegno civico e formativo, d'intesa con le associazioni locali, che si traduce in scelte amministrative per dare risposte alle famiglie e agli under 35. Con la certezza che i Comuni montani potranno (r)esistere solo grazie alla presenza stabile di bambini, giovani e famiglie. 

 

"Il protocollo testimonia il nostro impegno sul tema dei bambini – afferma il presidente Uncem Piemonte, Lido Riba - Fa parte delle attività di 'responsabilità sociale' che imprese ed enti pubblici devono avere a cuore. Vogliamo lavorare sul territorio, Comune per Comune, nelle Unioni, partendo dalle buone pratiche già avviate in molte Amministrazioni, cercando di aiutare le nostre comunità locali a crescere investendo sui minori. Dobbiamo garantire ai bambini il diritto di crescere e di vivere nelle aree montane, salvaguardando i servizi e le opportunità di svago, condivisione, partecipazione formazione. I bambini rappresentano il futuro della montagna. Senza di loro, i piccoli Comuni delle aree interne del Piemonte e del Paese sono destinati a morire. Dopo gli anni drammatici dello spopolamento, assistiamo a famiglie che ritornano e che scelgono di vivere e lavorare nelle terre alte. Nascono le scuole di valle, importanti luoghi di formazione del territorio, aumentano i consigli comunali dei ragazzi e altre attività. Per questo servono opportune scelte istituzionali e politiche, per la famiglia e per i minori".

"Investire sullo sviluppo e la protezione dell'infanzia, ancora di più in un momento di crisi economica, non è solo eticamente giusto, ma anche economicamente vantaggioso, mentre non proteggere i bambini e gli adolescenti oggi influenzerà le loro condizioni domani, con conseguenze negative sulla qualità della loro vita e sulle loro capacità di recupero da adulti", evidenzia la Presidente dell'Unicef Piemonte Claudia Sella, presente alla firma del protocollo con la presidente di Unicef Torino Maria Costanza Trapanelli e con Antonino Sgroi.


Ai sensi del protocollo,

Uncem Piemonte si impegna a:

- promuovere e attivare il Programma Città Amiche delle Bambine e dei bambini nelle diverse realtà territoriali montane e interne del Piemonte;

- promuovere e favorire la costituzione al suo interno di un Osservatorio sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza;

- promuovere e favorire a livello comunale o di Unione montana la costruzione di Gruppi di Partecipazione Attiva dei bambini e dei ragazzi;

- promuovere e attivare attività di formazione rivolte agli Amministratori locali sul tema dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza a livello territoriale;

- promuovere iniziative pubbliche di sensibilizzazione e diffusione della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

 

 

UNICEF si impegna a:

- sostenere le comunità nelle attività di sensibilizzazione e attuazione del Programma Città Amiche delle Bambine e dei Bambini;

- collaborare alla costruzione di una rete territoriale delle Comunità impegnate nella costruzione di Città Amiche delle Bambine e dei Bambini;

- collaborare all’attivazione di iniziative di monitoraggio e di valorizzazione di buone pratiche;

 

I Comuni e le Unioni montane, nonché le associazioni e le imprese dei territori montani piemontesi interessate ad avviare percorsi di lavoro con Unicef e a evidenziare buone pratiche possono contattare Uncem Piemonte scrivendo a uncem@cittametropolitana.torino.it