Perugia: Zaia (Veneto), in questo momento delicato non avvelenare clima

06 Mar 2013 (ASCA) - Venezia, 6 mar - ''Quello successo oggi a Perugia e' un fatto di una gravita' inaudita. E' un segnale evidente e tangibile di un clima avvelenato che rischia di dilagare provocando conseguenze gravi, che nulla hanno a che vedere con il delicato momento che attraversa la nostra societa'. In un momento cosi' drammatico il mio cordoglio e quello di tutti i veneti, va ai famigliari delle vittime che oggi hanno perso la vita svolgendo il loro lavoro''. Lo dichiara il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, commentando l'episodio di Perugia nel quale hanno perso la vita due dipendenti regionali. ''Si tratta di una tragedia che ci ferisce profondamente - spiega il Presidente - e che impone a tutti un'assunzione di responsabilita' perche' in un momento cosi' difficile per l'economia e per le famiglie non bisogna alzare i toni e accrescere i conflitti, ma restituire serenita' e fiducia nelle istituzioni''. ''La mia solidarieta' e partecipazione e quella della Regione del Veneto - conclude il presidente del Veneto - vanno alla presidente Catiuscia Marini, alla sua giunta e a tutti i cittadini dell'Umbria''. com/mpd
COPERTINE